09-11-2019

Le Malattie Neurologiche che colpiscono di piĆ¹ le donne. Organizzato dalla Regione Lombardia, dalla SIMeGeN, dal Polo Neurologico Brianteo.


Alle ore 12,del 4.11.2019 nella terza sessione il Dottor Colombo, Direttore del Polo Neurologico Brianteo, ha presentato una relazione, con revisione della più recente letteratura in materia, sulle trombosi venose cerebrali  che colpiscono maggiormente le donne, soprattutto in gravidanza, nel puerperio ( il periodo immediatamente dopo il parto) o durante l’assunzione dei contraccettivi orali.  La terapia viene effettuata per almeno 6 settimane con anticoagulanti sottocute ( eparina frazionata). Nella maggior parte dei casi ( circa l’80 % ) si ha guarigione completa, in un 15 % di casi possono residuare modesti deficit, una piccola parte di casi (5%) può risultare mortale.

Durante il congresso, tra le molte relazioni significative, sono stati esplicitati i primi dati italiani sull’utilizzo dei nuovi e costosissimi farmaci monoclonali per la cura dell’emicrania.

E sono state parimenti  illustrate le differenze tra uomo e donna nell’ictus cerebrale e le differenze di genere nella malattia di Parkinson nella quale le donne in genere presentano più tremore e rispondono meglio alla DBS : la stimolazione cerebrale profonda ( chirurgica ).

Si riporta il programma della terza sessione del Congresso:

 

III SESSIONE - Ictus e di­fferenze di genere

Moderatore: Nereo Bresolin (Milano)

 Quali di­fferenze nell’ictus dell’uomo e della donna?  - Maria Vittoria Calloni (Legnano, Milano)

Trombosi dei seni venosi cerebrali -  Antonio Colombo (Desio, Seregno)

 Le vasculiti -  Luigi Caputi (Milano)

Di­fferenze di genere nella terapia con i NAO  - Luisa Roveri (Milano)

 Rischio vascolare cerebrale nelle malattie mieloproliferative croniche - Alessandra Iurlo (Milano)

Discussione