MALATTIE CEREBROVASCOLARI
(ictus, TIA, ecc..)

le malattie cerebrovascolari
( malattie circolatorie del sistema nervoso)

Il Centro tratta ambulatorialmente i pazienti che  hanno presentato attacchi ischemici transitori (TIA) o minor stroke, per cercare di prevenire un evento cerebrovascolare maggiore ( ictus). Ma cura anche chi ha già presentato un ictus per cercare d’impedire un’eventuale recidiva. Vengono seguiti inoltre i casi di trombosi dei seni venosi cerebrali.


Nei pazienti viene valutato con precisione il circolo cerebrale ( attraverso la prescrizione degli esami indicati quali la Risonanza Magnetica , l’angio-RMI, la TAC, l’Angio-TAC, l’ecodoppler dei vasi sopraortici, ecc.) , vengono inoltre esaminati analiticamente i fattori di rischio che rendono possibili i disturbi ischemici (ipertensione, diabete, colesterolemia e altre lipidemie, fumo, situazione cardiaca, omocisteinemia, turbe della coagulazione, ecc.). Viene eseguito l’ EEG in sede se  si presenta invece il dubbio diagnostico di una crisi epilettica sintomatica. Oltre alla prevenzione secondaria descritta, si attua ovviamente anche quella primaria.

Per ogni paziente viene indicata la necessaria terapia disaggregante piastrinica oppure quella anticoagulante orale nonchè ogni altra cura idonea. E’ suggerita contestualmente la dieta atta a prevenire gli eventi vascolari.

E’ anche presente un chirurgo vascolare esperto nel caso di malati portatori di stenosi carotidee o di altri vasi, per valutare l’opportunità di interventi di TEA o di stenting.
Il centro fa capo al dottor Antonio Colombo, a lungo Primario Neurologo presso l’Ospedale di Desio, che ha creato in tale sede una moderna StroKe Unit  ed ha curato migliaia di ictus. Ha  praticato tra i primi in Italia la trombolisi venosa partecipando tra l’altro al fondamentale studio internazionale SIST-MOST .                                                            

Negli anni antecedenti aveva creato, sempre presso l’ospedale, un ambulatorio similare per la cura delle malattie cerebrovascolari che ha gestito in prima persona prima di divenire Primario.
Il Centro del Polo Neurologico Brianteo, come tutti gli altri della struttura, mantiene costanti contatti coi pazienti ed i loro care givers  ( coloro che assistono i malati) ed ha la volontà di collaborare costantemente ed attivamente con i medici di famiglia dei malati.